Uncategorized

Mindfulness e dieta alimentare

Hai mai sentito dire: “Siamo quello che mangiamo”?

Il nostro livello di salute e di energia dipende dal cibo che assumiamo. L’attenzione all’alimentazione è aumentata molto in questi decenni, passando da un’attenzione all’estetica del corpo alla recente ricerca di benessere per il corpo.

Sono punti di partenza molto diversi perché nel primo caso c’è un’ossessiva attenzione al peso e alla forma esterna del corpo, nel secondo caso c’è una ricerca di equilibrio tra salute, energia e forma. Si è compreso che il benessere dipende dalla qualità del cibo che mangiano e questo ha portato all’apertura di molti negozi biologici e ai Gruppi di Acquisto Solidali.

Il cibo, però, non è utilizzato solo per dare energia al corpo e per rispondere allo stimolo della fame, spesso è usato come riempitivo emozionale. Lo sviluppo dei percorsi basati sulla Mindfulness ha portato le persone ad essere più consapevoli delle proprie azioni e quindi ad ascoltare maggiormente gli stimoli interni della fame, distinguendo tra stimolo interno e stimolo esterno.

Le diete tradizionali spesso non portano risultati perché impongono regole esterne e restrizioni e non conducono la persona all’ascolto si sé e di cosa la spinge a mangiare in modo sregolato. I percorsi basati sulla consapevolezza partono dall’osservazione delle proprie azioni e ciò permette di comprendere i meccanismi che stanno alla base del proprio stile alimentare. In questo ultimo decennio sono state fatte numerose ricerche sull’efficacia delle pratiche di alimentazione consapevole e di alimentazione intuitiva.

Un recente studio basato sulla revisione di 68 studi pubblicati tra il 1980 e il 2019 ha esplorato l’effetto della Mindfulness sia sulla popolazione normo peso sia sulla popolazione sovrappeso. L’aspetto principale che si è notato riguarda la fame emotiva

La maggiore consapevolezza delle proprie emozioni ha portato ad una maggiore capacità di gestire la fame e la qualità del cibo ingerito in particolare per le persone sovrappeso. Le pratiche di meditazione insegnano a generare calma interiore e sviluppano la capacità di gestire l’ansia e lo stress quotidiano spesso causa dell’aumento di peso e di abitudini alimentari sregolate.

In particolare, uno studio condotto sugli adolescenti ha mostrato come la Mindfulness può ridurre le scelte impulsive sul cibo e dia maggiore autocontrollo sulle proprie azioni. Gli studiosi sono giunti alla conclusione che gli stili alimentari sono influenzati da molte variabili. L’utilizzo della Mindfulness aiuta le persone a diventare più consapevoli del motivo per cui mangiano, sviluppa maggiore flessibilità nella gestione del cibo, porta ad un miglioramento nella gestione del peso e del benessere generale della persona.

Quindi, su cosa agisce la Mindfulness?

Agisce sulla gestione degli stati emotivi, sull’ansia, sullo stress, sulle azioni impulsive e sulla maggiore conoscenza di sé stessi e delle proprie azioni. Porta consapevolezza, flessibilità e ascolto che permettono di migliorare non solo la propria alimentazione ma lo stile di vita. 


Riferimenti scientifici

A structured literature review on the role of mindfulness, mindful eating and intuitive eating in changing eating behaviours: effectiveness and associated potential mechanisms

Janet M WarrenNicola SmithMargaret Ashwell  | 2020

The Influence of Mindful Eating and/or Intuitive Eating Approaches on Dietary Intake: A Systematic Review

Hannah S GriderSteve M DouglasHollie A Raynor  | 2021

Mindful Eating: The Art of Presence While You Eat

Joseph B Nelson | 2017

Mindful eating reduces impulsive food choice in adolescents and adults

Kelsie L HendricksonErin B Rasmussen | 2020

Integrating Mindfulness Into Eating Behaviors

Meredith D Sorensen, Katherine R Arlinghaus, Tracey A Ledoux, Craig A Johnston  | 2019