Blog

E SE NON SONO ABBASTANZA?

Nel mio percorso di crescita ho provato molto spesso la sensazione di non essere abbastanza, abbastanza brava, abbastanza capace, abbastanza socievole…sentivo di non essere abbastanza per le persone accanto a me e per la vita.

Ripensando a quel periodo vedo una Lisa confusa, chiusa, impaurita che non riusciva a capire cosa voleva fare nella vita e quale era il senso.

Mi sentivo come un pesce che nuota in mari che non gli appartengono. Anche se ero nata in quelle acque. Non avevo capito che dovevo avere meno paura di me stessa e della vita. Non è semplice stare accanto a persone che hanno un modo di percepire la vita molto diverso dal tuo, con valori diversi.

Qualunque sia il motivo per cui ti senti diverso dagli altri (sei troppo alto, sei troppo basso, sei timido, vieni da una famiglia fuori dalla norma, sei omosessuale, sei un idealista, hai un difetto fisico, ecc..) questo ti porta a pensare di essere sbagliata/o, di aver qualcosa in meno, di non essere all’altezza. Magari vicino a te c’è anche qualcuno che alimenta questo tuo sentimento.

Pema Chödrön, monaca buddista, racconta che quando il Dalai Lama incontrò le prime comunità Buddiste occidentali rimase sorpreso nel sentire che gli allievi si svalutavano e che anche i maestri stessi, avevano un’opinione negativa di se stessi.  Per il Dalai Lama queste parole non avevano senso, era una visione degli esseri umani molto lontana da quella dei tibetani. Dal loro punto di vista ogni persona ha una natura buona che, tra l’altro, chiunque possiede. Era assurdo, quindi, che le persone fossero così severe, e così giudicanti, al punto da odiarsi.

Per noi occidentali serve un profondo atto di fede per credere che la nostra natura è buona e che ogni aspetto negativo che vediamo in noi, è un aspetto transitorio del nostro essere. Durante la crescita, ci accade di identificarci con stati mentali negativi come la confusione, l’angoscia, l’invidia, la paura e ci riconosciamo in quello stato d’animo.

La nostra vita, allora, si riempie di amarezza, dolore, tristezza e insoddisfazione. Non avendo sviluppato una buona conoscenza di noi stessi, e della nostra mente, non siamo consapevoli del fatto che si tratta di abitudini della mente. Abitudini che ci portano ad identificarci con i nostri veleni mentali. Impariamo a scappare da noi stessi invece di accogliere la paura e la rabbia. 

Lo sviluppo della consapevolezza ci serve proprio a questo. A comprendere che noi siamo più dei nostri stati mentali e che possiamo superarli. Credere che sia possibile realizzarsi nella vita è legittimo, significa imparare ad esprimere e vivere i propri talenti.

Se ci pensiamo bene, anche la nostra cultura cristiana parla di questo. Nei Vangeli si racconta la parabola dei talenti, la ricordi? C’è chi sceglie di mettere a frutto i talenti che riceve e chi li nasconde per paura che gli vengano rubati. Fermarsi, fare silenzio, ascoltarsi e comprendere quale direzione prendere è fondamentale.

Martin Buber, pedagogista e teologo ebreo scrisse: “Ciascuno ha l’obbligo di riconoscere e considerare che lui è unico al mondo nel suo genere. … Ogni singolo uomo è cosa nuova nel mondo e deve portare a compimento la propria natura in questo mondo”.

Da dove partire, dunque?

Conoscere se stessi è il punto di partenza.

Ma, come fare?

Attraverso la pratica della meditazione. Una pratica accessibile a tutti e che ci insegna ad entrare nel silenzio e ad ascoltare il proprio cuore. E’ questa la strada per ritrovarsi e conoscersi, comprendere i meccanismi interni e capire qual’è il proprio posto nel mondo.

Il mese prossimo ho organizzato un ritiro di Meditazione Mindfulness. Potrebbe essere l’occasione per iniziare oppure, se sei già in cammino, approfondire la tua pratica.

GLI ALTRI ALTICOLI

Ora che hai deciso, cosa accadrà?

Le presentazioni dei nuovi corsi, che partiranno ad ottobre, sono terminate. Con gioia ho incontrato l’interesse di molte persone e con altrettanta gioia sono grata

Read More »

Non sei stanca di tradire il tuo cuore?

Nelle antiche scritture si racconta che il Signore, stanco di arrabbiarsi con il suo popolo per la sua incapacità a seguirlo, decise di fare un

Read More »

E’ ora di darci un taglio

Qualche settimana fa ho letto su Facebook una riflessione sull’importanza di sapersi fermare. L’autrice giungeva alla conclusione che viviamo un periodo di diffuso “esaurimento emotivo

Read More »

Cosa accadrà della tua vita se inizierai a viverla dando spazio alle tue abilità?

Tempo fa questa domanda mi faceva molta paura. Mi è sempre piaciuto fare mille cose, creare, dare spazio alle mie passioni, ma senza mostrarlo a nessuno. Posso dire

Read More »

In che modo vuoi iniziare?

E’ in arrivo settembre! Cosa porterai con te dell’estate, nella prossima stagione?  Ci hai riflettuto? In che modo vuoi iniziare? Lo sai che è possibile unire

Read More »

Sei la tua priorità?

Durante le vacanze, sotto l’ombrellone o in montagna, la mia testa è una fucina di buoni propositi. Anche per te? E’ come se la pace di questi

Read More »

Come aumento la mia vitalità?

Le vacanze sono rigeneranti. Un tempo aspettavo tutto l’anno questo periodo di evasione. Arrivavo stressata e scarica, senza energia. Oggi dedico, invece, più tempo al

Read More »

Mettersi a nudo non è facile

Sono sotto l’ombrellone, in spiaggia. Sto trascorrendo a Jesolo qualche giorno, con i miei genitori e Giovanni a Jesolo. Ho preso un settimanale in edicola

Read More »

Partiamo?

Ascoltare i sogni degli altri mi aiuta a capire a che punto sono rispetto alla realizzazione del mio. Quante piccole cose devo fare per portare

Read More »

L’emozione di raggiungere una meta

Ho camminato a lungo, per una settimana. Zaino, una maglietta, pantaloncini e tanta curiosità. Ho percorso la via di San Francesco, dal santuario di La

Read More »

In che modo ti prendi cura di te?

Una volta pensavo che ritagliare del tempo per me volesse dire escludere la famiglia e non dedicare tempo a loro. Per fortuna sono riuscita a superare

Read More »

E’ arrivata l’estate!

E’ arrivata l’estate! Inizia con il solstizio d’estate: “il giorno più lungo” dell’anno.  Io mi diverto ad immaginare questo giorno come l’incontro tra due care

Read More »

Mindfulness e dieta alimentare

Hai mai sentito dire: “Siamo quello che mangiamo”? Il nostro livello di salute e di energia dipende dal cibo che assumiamo. L’attenzione all’alimentazione è aumentata

Read More »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: