La generosità è una qualità importante perché contrasta l’attaccamento a cose e persone. Cos’è l’attaccamento? Per attaccamento intendo quella tendenza a confondere il possesso di qualcosa o di una persona con la felicità. L’attaccamento ci porta ad attribuire ad oggetti esterni e a persone vicine a noi il potere della felicità senza accorgerci che questa tendenza ha in sé il seme dell’infelicità.

Blog

Oggi parliamo di generosità

Nella scorsa mindful letter ti ho parlato dell’amorevole gentilezza.

Tu, che hai frequentato il corso di Mindfulness o che mi leggi costantemente, sai che non si tratta di qualcosa da comprendere intellettualmente ma di qualcosa di cui fare esperienza.

Pertanto, ti sei esercitata durante la settimana ad osservare la relazione che hai con te stessa? Che cosa è emerso? Sei riuscita a dedicare pensieri e gesti di gentilezza verso te stessa?

Come ben sai, lo sviluppo dell’amorevole gentilezza si inserisce all’interno di un percorso di crescita personale più ampio che, in questi anni di incontri, ci ha portato a scoprire come i pensieri tossici entrano dentro di noi e inquinano la nostra mente e le nostre azioni.

Come contrastare questo meccanismo nascosto che ormai non ci permette di vivere bene?

● Il primo passo, come hai visto, è lo sviluppo della consapevolezza. Grazie alla pratica della meditazione possiamo sviluppare la capacità di presenza e di osservazione di noi e della realtà che ci circonda.

● Il secondo passo è lo sviluppo di qualità che ci permettono di contrastare gli “inquinanti mentali” a cui siamo abituati e che ormai non percepiamo più. L’amorevole gentilezza ha una grande amica: la generosità.

La generosità è una qualità importante perché contrasta l’attaccamento a cose e persone.

Cos’è l’attaccamento?

Per attaccamento intendo quella tendenza a confondere il possesso di qualcosa o di una persona con la felicità. L’attaccamento ci porta ad attribuire ad oggetti esterni e a persone vicine a noi il potere della felicità senza accorgerci che questa tendenza ha in sé il seme dell’infelicità.

Ricorda: imparare a rinunciare a ciò che ci fa male è un grande gesto di generosità e gentilezza verso noi stessi. Prima di sviluppare la generosità verso gli altri impariamo a volerci bene e iniziamo ad osservare ciò che ci fa bene.

Prova a porti queste domande: se inizio a dedicare del tempo a ciò che mi nutre e non a ciò che mi “riempie”, cosa cambierebbe nella mia vita? Se lascio andare un atteggiamento che porta in sé gelosia, rancore, o rabbia, cosa accade?

Ti lascio con queste domande. Coltiva le risposte e persegui la tua felicità. Perché la generosità non si esprime solo attraverso le azioni, ma anche attraverso i pensieri.

Ti auguro di riuscire un giorno a dire a qualcuno: “Che tu possa essere felice, ma non alle mie condizioni”.

Il tuo cuore, allora, sarà realmente pieno d’amore, prima di tutto verso te stessa e poi anche verso gli altri.

Ci vediamo ai prossimi incontri per continuare a sperimentare questa crescita e condividerla insieme.

GLI ALTRI ALTICOLI

Una pratica per te

Oggi ti vorrei parlare di uno degli esercizi fondamentali del percorso MBSR: la meditazione mindfulness. Ogni volta che inizio un nuovo corso MBSR, so che sperimentare la

Read More »

Siamo in molti

Sono iniziati i nuovi corsi: 29 nuovi iscritti, 29 persone che hanno sentito la necessità di prendersi cura di sé. Due gruppi a Verona ed un gruppo

Read More »

La felicità è possibile

Hai mai notato che c’è qualcosa che resta sempre uguale nella nostra vita nonostante cambino gli eventi esterni? A volte pensiamo che saremo più felici quando avremo

Read More »

Che cosa desideri?

Ciao, Che cosa desideri per l’anno nuovo? Torno a te con questa domanda perché sono consapevole di quanto sia importante indirizzare le energie e i pensieri

Read More »

Hai scritto la lista?

Buon Anno. E’ iniziato il 2023 e come ogni anno, ho scritto la lista dei buoni propositi. Alcuni riguardano cose che vorrei realizzare, altri invece

Read More »

Là dove ci si trova

Ai giovani che venivano da lui per la prima volta, Rabbi Bunam era solito raccontare la storia di Rabbi Eisik, figlio di Rabbi Jekel di

Read More »

Secondo uno studio scientifico, la meditazione quotidiana può funzionare come uno psicofarmaco per calmare l’ansia

Ansia, irrequietezza, preoccupazione, paura e insonnia possono interferire con la vita quotidiana, le relazioni e gli obiettivi di carriera. Molte persone ottengono sollievo usando psicofarmaci, ma

Read More »

Sono orgogliosa di dirti che…

Quando ho iniziato la formazione per diventare insegnante di Mindfulness ho incontrato una delle formatrici del Center for Mindfulness fondato da Jon Kabat-Zinn. Lei mi

Read More »

The Good Doctor, lo conosci?

Lui: E’ stato un vero disastro! Lei: Ti ho ascoltato per un’ora, mi spieghi dov’è il disastro? Lui: E’ stato estenuante, sentivo che era tutto

Read More »

Perché dovresti scegliere un corso di gruppo MBSR?

Ti faccio una domanda: quand’è che senti di conoscere bene una persona?  Forse quando ne conosci nome, cognome, professione e storia personale? I partecipanti al corso MBSR,

Read More »

Cose che non sai di me

Tutto è iniziato dopo la laurea in Economia e Commercio che ho conseguito presso l’Università di Verona. Prima di immergermi nel mondo del lavoro mi

Read More »

Dove stai andando?

“….Perdonare significa fare pace con ciò che è successo.  Significa riconoscere la tua ferita, dandoti il permesso di sentire dolore, e di comprendere che quel

Read More »

Lavori in corso

C’è molto fermento al corso di mindfulness MBSR iniziato la prima settimana di ottobre. Siamo giunti alla quarta settimana di pratica e una delle affermazioni

Read More »

Il potere delle piccole cose

In questi giorni, nel campo di fronte a casa mia ci sono moltissimi fiori gialli. Gli stessi che vedi lungo l’argine dell’Adige. Sono i fiori del

Read More »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: