Uncategorized

Mindfulness e fisica quantistica

LA RELAZIONE TRA FISICA QUANTISTICA, MINDFULNESS, SPIRITUALITA’ E PSICOLOGIA

EFFETTO FARFALLA

Hai mai sentito parlare dell’effetto farfalla? Si dice che un minimo battito d’ali di una farfalla sia in grado di provocare un uragano dall’altra parte del mondo. Questo ci obbliga ad una responsabilità condivisa e ci porta a delle domande precise: “Come voglio stare in questo mondo e in questo universo? Se la mia esistenza influenza la realtà attorno a me, come la voglio influenzare?”

Poco tempo fa ho avuto l’occasione di intervistare la dott.ssa Daniela Santoro, insegnante di Matematica e Fisica presso il liceo scientifico Duca d’Abruzzo di Treviso e abbiamo avuto una interessante conversazione sulle connessioni tra fisica quantistica e consapevolezza.

LUI DEVE CAMBIARE, LEI DEVE CAMBIARE

Più si entra nella conoscenza della fisica quantistica e più emergono domande sull’esistenza. Per questo trovo che sia una scienza davvero importante, perchè ci interroga continuamente. I fisici quantistici si sono accorti inoltre che il nostro sguardo modifica la realtà. 

Non è possibile mettere una separazione tra chi conduce l’esperimento e l’oggetto sperimentato. Noi siamo parte della realtà e la modifichiamo anche solo guardandola. Comprendete il potere di uno sguardo e di come può influire sulla vita di qualcun altro.

Il mio sguardo crea la realtà, la realtà con il suo sguardo crea me. Se io cambio, cambia anche l’altro verso di me. Sussiste una relazione. Questo è un aspetto fondamentale. Spesso nelle relazioni e nelle situazioni conflittuali sentiamo dire: “Lui deve cambiare, lei deve cambiare”.

La fisica quantistica ci dimostra scientificamente qualcosa che la psicologia già conosce: il cambiamento parte da noi stessi e noi possiamo cambiare il mondo che ci circonda, nel bene o nel male. Da dove partire? Dallo sguardo, dall’osservazione. Già solo portando consapevolezza alla realtà che ci circonda, la trasformiamo. In un percorso di Mindfulness di 8 settimane ho visto le persone trasformarsi perché cambiava il loro sguardo sulla vita.

CHE IO ESISTA O NON ESISTA E’ LO STESSO

La fisica quantistica ci sta dimostrando qualcosa di cui abbiamo già consapevolezza ma che a volte preferiamo ignorare, cioè che non siamo esseri isolati e con le nostre azioni influenziamo l’ambiente o il contesto nel quale viviamo. 

Gli scienziati hanno dimostrato che due particelle elementari che sono inizialmente unite e poi vengono separate e lanciate a velocità molto alta in luoghi molto lontani tra di loro conservano una traccia di questa unità. Resta in qualche modo la memoria di questa unità. Questo collegamento si chiama entanglement.

A volte, può esserci capitato di pensare “Che io esista o che non esista è lo stesso”. Invece non è vero, per il fatto che siamo tutti in connessione e il fatto che io esista ha un senso e si collega al senso degli altri. Tutto è energia, tutto è in movimento e tutto è cambiamento. Sembra più una lezione di filosofia che di fisica in effetti. Sembra di sentir parlare il filosofo Eraclito quando diceva “tutto scorre”, “panta rei”.

MINDFULNESS E FISICA QUANTISTICA

Nel suo laboratorio Fritjof Capra si rese conto che ogni cosa era fatta di energia. Noi siamo energia, ogni cosa attorno a noi è energia. Siamo fatti di particelle che tra loro comunicano. Questo significa che ogni essere presente sulla terra, animato o inanimato, è in interscambio continuo. L’essere umano comunica continuamente con il mondo esterno, con la natura, con gli spazi che occupa e con le persone con cui entra in relazione. Possiamo anche stare in silenzio, non serve la parola per “sentire l’altro” e per sentire cosa sta accadendo in un luogo.

Possiamo sentire l’energia che fluisce in un luogo ed in una persona. Questa è una capacità che tutti abbiamo e con la meditazione possiamo affinarla. Infatti, lo sviluppo della pratica sulla consapevolezza ci permette di essere più intuitivi, empatici, attenti ai dettagli, riusciamo ad accogliere maggiormente ciò che ci circonda e a vedere la connessione tra le cose e le persone che prima non vedevamo. Ci permette di vedere ciò che già c’è e che la fisica quantistica ci sta dicendo che già esiste.

Guarda l’intervista completa con la dott.ssa Daniela Santoro