Blog

Quanta influenza abbiamo sul cambiamento?

Hai mai sentito parlare del principio 90/10?

Questo principio è stato elaborato da Stephen Covey, educatore e scrittore americano.

Covey afferma che solo il 10% di ciò che ci accade è inevitabile mentre il restante  90% dipende da noi. Se ciò è vero cambia totalmente la nostra prospettiva. Fermiamoci un attimo e pensiamo a tutte le cose che avvengono nella nostra giornata. Proviamo a pensare alle nostre azioni ed emozioni ad ogni evento. Secondo questo principio la maggior parte di ciò che ci accade è una reazione ad un evento imprevedibile. Quindi se noi impariamo a gestire i nostri impulsi e le nostre emozioni saremo in grado di dare la direzione che vogliamo ad ogni imprevisto.

Ti porto l’esempio della tazzina di caffè molto spesso citato da Covey. Prova ad immaginare una mattina a colazione. Sei pronta per uscire al lavoro. Tuo figlio inavvertitamente rovescia la tazzina e ti macchia il vestito. E’ appena accaduto l’inevitabile, il famoso 10%.

Se vuoi sapere come procederà la tua giornata pensa alle possibili reazioni a questo evento.

Ecco la prima. Ti arrabbi subito con tuo figlio, lo rimproveri, lui è mortificato e si mette a piangere. Tuo marito cerca di minimizzare l’accaduto ma tu ti arrabbi ancora di più e vai a cambiarti.

Ti senti in ritardo. Nel frattempo è già passato l’autobus per tuo figlio e lo devi accompagnare a scuola. In fretta prendi la sua cartella, sali in macchina e sei di cattivo umore. Lo lasci a scuola, vai al lavoro appena in tempo per l’inizio della riunione. Ti accorgi che dalla fretta hai dimenticato a casa i documenti che ti servivano. Puoi immaginare come procederà la giornata e i sentimenti negativi che accompagneranno ogni evento.

Seconda relazione. Quando tuo figlio rovescia la tazza, ti chiede scusa ed è mortificato per quanto accaduto. Lo abbracci e gli dici che può succedere. Vai a cambiarti il vestito con calma e nel frattempo tuo marito ti prepara un altro caffè. Tuo figlio è sereno e si fa trovare pronto per andare a scuola. Ti saluta e va alla fermata del bus. Tu esci da casa, non dimentichi nulla. Sei di buon umore e arrivi per tempo alla tua riunione. La giornata procederà in un altro modo.

I percorsi basati sulla Mindfulness ci danno gli strumenti per agire sul momento della nostra reazione. All’inizio ci aiutano ad osservare questo processo che avviene in noi, specialmente se la nostra reazione è diventata ormai automatica. Poi ci permettono di mettere uno spazio tra l’evento imprevisto e la nostra reazione così da poter scegliere una nuova modalità di azione. 

La mindfulness ci offre la libertà di scegliere. 

Ti propongo un esercizio per questa settimana: ogni volta che si presenta un imprevisto (il famoso 10%) osserva come reagisci. Alla fine della settimana osserva se riesci a modificare le reazioni che non ti piacciono. 

GLI ALTRI ALTICOLI

Una pratica per te

Oggi ti vorrei parlare di uno degli esercizi fondamentali del percorso MBSR: la meditazione mindfulness. Ogni volta che inizio un nuovo corso MBSR, so che sperimentare la

Read More »

Siamo in molti

Sono iniziati i nuovi corsi: 29 nuovi iscritti, 29 persone che hanno sentito la necessità di prendersi cura di sé. Due gruppi a Verona ed un gruppo

Read More »

La felicità è possibile

Hai mai notato che c’è qualcosa che resta sempre uguale nella nostra vita nonostante cambino gli eventi esterni? A volte pensiamo che saremo più felici quando avremo

Read More »

Che cosa desideri?

Ciao, Che cosa desideri per l’anno nuovo? Torno a te con questa domanda perché sono consapevole di quanto sia importante indirizzare le energie e i pensieri

Read More »

Hai scritto la lista?

Buon Anno. E’ iniziato il 2023 e come ogni anno, ho scritto la lista dei buoni propositi. Alcuni riguardano cose che vorrei realizzare, altri invece

Read More »

Là dove ci si trova

Ai giovani che venivano da lui per la prima volta, Rabbi Bunam era solito raccontare la storia di Rabbi Eisik, figlio di Rabbi Jekel di

Read More »

Secondo uno studio scientifico, la meditazione quotidiana può funzionare come uno psicofarmaco per calmare l’ansia

Ansia, irrequietezza, preoccupazione, paura e insonnia possono interferire con la vita quotidiana, le relazioni e gli obiettivi di carriera. Molte persone ottengono sollievo usando psicofarmaci, ma

Read More »

Sono orgogliosa di dirti che…

Quando ho iniziato la formazione per diventare insegnante di Mindfulness ho incontrato una delle formatrici del Center for Mindfulness fondato da Jon Kabat-Zinn. Lei mi

Read More »

The Good Doctor, lo conosci?

Lui: E’ stato un vero disastro! Lei: Ti ho ascoltato per un’ora, mi spieghi dov’è il disastro? Lui: E’ stato estenuante, sentivo che era tutto

Read More »

Perché dovresti scegliere un corso di gruppo MBSR?

Ti faccio una domanda: quand’è che senti di conoscere bene una persona?  Forse quando ne conosci nome, cognome, professione e storia personale? I partecipanti al corso MBSR,

Read More »

Cose che non sai di me

Tutto è iniziato dopo la laurea in Economia e Commercio che ho conseguito presso l’Università di Verona. Prima di immergermi nel mondo del lavoro mi

Read More »

Dove stai andando?

“….Perdonare significa fare pace con ciò che è successo.  Significa riconoscere la tua ferita, dandoti il permesso di sentire dolore, e di comprendere che quel

Read More »

Lavori in corso

C’è molto fermento al corso di mindfulness MBSR iniziato la prima settimana di ottobre. Siamo giunti alla quarta settimana di pratica e una delle affermazioni

Read More »

Il potere delle piccole cose

In questi giorni, nel campo di fronte a casa mia ci sono moltissimi fiori gialli. Gli stessi che vedi lungo l’argine dell’Adige. Sono i fiori del

Read More »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: